Image Alt

disugaglianze Tag

La condizione di povertà non è solo una questione economica ma anche abitativa, sanitaria, educativa. Ci sono tante storie, migliaia. Quella che raccontiamo è solo un piccolo pezzo di vita nella grande capitale. Una piccola storia, tra tante. Qualche settimana fa si è rivolta a nostri sportelli Domenica, una signora di 45 anni che vive nei pressi di Tor Bella Monaca. Lì svolgiamo le nostre attività di supporto per problemi legali/sociali e di distribuzione dei pacchi alimentari a persone in difficoltà economica, insieme e nella

Adam (nome di fantasia) è un ragazzo senegalese, in gravissime condizioni di salute , che è stato sgomberato il 9 febbraio dall'accampamento informale di via Tallone dove viveva. Uno sgombero avvenuto senza il coinvolgimento di Comune e Sala Operativa Sociale e, a seguito del quale, Adam -nonostante non riuscisse neanche a camminare- è stato trasferito nel CPR di Palazzo San Gervasio (Potenza). Proprio in quel CPR per Adam è cominciata un’altra odissea. Infatti, appena giunto nel Centro gli viene sequestrato, in maniera del tutto arbitraria, il

Il sindacato dell'agroindustria continua ad aiutare chi aiuta. Non un banco alimentare qualsiasi, ma una realtà che da cinque anni sta vicino a chi è più in difficoltà per contrastare la povertà e le disuguaglianze nel segno di quel mutualismo che per Nonna Roma è una regola di vita. Se le nonne non lasciano soli i ragazzi (“ma non magni bello de nonna?”), gli attivisti di Nonna Roma non vogliono essere da meno. La Flai Cgil vuole dare una mano a questo vero e proprio

Giovedì 24 febbraio h 17 assemblea cittadina in Campidoglio. In politica si usa dire che i primi cento giorni di una amministrazione siano cruciali per segnare il passo dell'agenda. Ebbene, a oggi registriamo una disattenzione profonda e ritardi decisivi nelle prime azioni del sindaco Gualtieri per tutto quello che riguarda il diritto alla città. Avvertiamo ancora una grande distanza tra la chi che soffre un disagio sociale enorme e il nuovo governo della Capitale. Un vuoto di attenzione che può risultare devastante anche per migliaia

Secondo uno studio di Unimprese sono quasi 11 milioni gli italiani a rischio povertà, di cui 4 milioni disoccupati e 7 milioni gli occupati ma in situazioni instabili o economicamente deboli. Anche questo studio conferma che il numero degli italiani che non ce la fa quindi, in piena emergenza Covid, è assai vasta e in crescita. Questi numeri evidenziano la presenza di un altro fenomeno: quello di milioni di persone che non riescono a vivere del proprio lavoro per via di salari troppo bassi o

Bonus vacanze, bonus monopattino, bonus terme. Sono tantissimi i bonus finanziati dall’inizio della pandemia, ma nella nuova legge di bilancio c’è un grande assente. Dov’è l’agevolazione pensata per chi ha bisogno di un supporto psicologico? Il budget richiesto nella Manovra 2022 era di 50 milioni di euro ripartiti tra un bonus di avviamento - un bonus di 150 € per persone maggiorenni a cui era stato riconosciuto un disturbo mentale senza limiti di reddito - e un bonus di sostegno suddiviso per varie fasce di

È venuto a mancare il 22 di questo mese padre Claudio Santoro, sacerdote della chiesa di San Barnaba del quartiere Torpignattara. Lo abbiamo conosciuto durante il primo lockdown nella ricerca di derrate alimentari da distribuire a migliaia di persone rimaste senza un soldo con il blocco delle attività. Da allora ne abbiamo potuto apprezzare le qualità umane e l'abnegazione a favore degli ultimi e degli emarginati in un quartiere difficile dal punto di vista dell'integrazione e della capacità economica di tante famiglie. Il lavoro nella

Siamo di fronte ad un importante rincaro delle bollette della luce e del gas che impatta negativamente sulla vita di milioni di famiglie già stremate dall'emergenza economica scaturita dal Covid. Nel 2022 una famiglia tipo potrebbe arrivare a spendere 1200 euro in più per gas e luce. Cifre mostruose. Dai sindacati, al tavolo con il Governo, era emersa la proposta della costituzione di un Fondo di Solidarietà che abbassava limitava i rincari ai redditi bassi attraverso un contributo che provenisse dai redditi sopra i 75 mila euro

Dare una rapida scorsa ai dati del Ministero dell’Interno sulle esecuzioni di sfratto nel 2019 non può certo farci stare seren*, tanto per citare l’ineffabile Renzi, cattivo maestro nella gestione delle politiche abitative, nonché nemico giurato dei poveri di questo paese. A fronte di decine di migliaia di esecuzioni pre-Covid, e di oltre 80mila provvedimenti accumulatisi dal 2021 ad oggi, i Ministri Lamorgese e Giovannini non sembrano essere affatto preoccupati di ciò che si prospetta. Specialmente il Ministro delle Infrastrutture, pur avendo fatto carriera