Image Alt

Sociale

Sono tre i senza dimora che negli ultimi dieci giorni hanno perso la vita nella nostra città a causa del freddo. L'ennesima tragedia è avvenuta lo scorso 24 gennaio in via dell'Acqua Bullicante come riportano i giornali. Come ogni inverno, tornano morti a causa all'abbassamento drastico delle temperature che si potrebbero evitare attraverso interventi concreti a sostegno delle persone senza dimora. Pur riconoscendo i numerosi passi avanti nell’ultimo anno con l'aumento dei posti letto e l'apertura di strutture sparse nella nostra città, anche nei giorni scorsi,

Ieri notte si è consumata l'ennesima tragedia che vede la morte di ben due senza dimora nella nostra città. Puntuali, come ogni inverno, tornano morti, dovute all'abbassamento drastico delle temperature, che si potrebbero evitare attraverso interventi concreti a sostegno delle persone senza dimora. Riconosciamo che nell’ultimo anno sono decisamente aumentati i posti letto e il numero dei centri sparsi nella nostra città, ma è necessario fare molto di più con azioni concrete come una maggiore presenza di unità di strada, un aumento dei posti e dei

Roma, 30 dic. (Adnkronos) - Dopo quasi un anno dall'uscita del dossier 'Dalla strada alla casa', il rapporto di Nonna Roma sui senza dimora nella Capitale, un ulteriore passo avanti nell'inversione del paradigma sull'analisi e la gestione del fenomeno dei senza dimora nella nostra città. La giunta capitolina ha, infatti, approvato la delibera che prevede la stipula di un protocollo tra il Campidoglio e l'Istat per la realizzazione di un censimento degli homeless a Roma. La prima indagine sui senza dimora risale al 2011 ed

Il 19 dicembre è una data importante nella vita di molte persone e per la città di Roma nel suo complesso. Finalmente è operativa la deroga all’articolo 5 del decreto Renzi Lupi, che dal 2014 impedisce l’esercizio del diritto alla residenza per chi vive in immobili occupati. Alla fine di un lungo percorso amministrativo - iniziato con la mozione approvata in consiglio comunale il 7 giugno, proseguito con l’emanazione della direttiva n. 1/2022 a firma del sindaco Gualtieri il 4 novembre e concluso con

Con la direttiva n. 1/2022 il sindaco di Roma Capitale ha definito i criteri per individuare chi, tra le persone che vivono all’interno di immobili occupati, potrà ottenere la residenza. Si tratta di una decisione importante e coraggiosa. Dall’entrata in vigore del decreto legge 47/2014 - il cosiddetto decreto Renzi-Lupi - chi abita, occupa “abusivamente” è escluso dalla possibilità di ottenere l’iscrizione anagrafica e, di conseguenza, di esercitare un’ampia sfera di diritti. In seguito, il legislatore del 2017 ha introdotto la possibilità di derogare

Il presidente del Municipio VI, attraverso una memoria di giunta, annuncia di dare disposizione all'Ufficio Anagrafe del proprio Municipio di disattendere quanto prevede la delibera 1/2022 sull'applicazione della deroga all'Art. 5 del Decreto Lupi. A proposito di legalità sbandierata, questo è un atto illegittimo e osceno. La delibera del Sindaco Gualtieri, ottenuta dopo una lunga battaglia di associazioni e movimenti, rappresenta finalmente una risposta al problema di migliaia di persone costrette per necessità ad occupare un alloggio e che da quasi 9 anni non possono stabilire

30 amministratori chiedono a Gualtieri il superamento dell'art. 5 del Decreto Lupi che impedisce il diritto alla residenza alle persone Oggi 30 esponenti istituzionale tra consiglieri municipali e assessori attraversano una nota a prima firma Luca Blasi, Assessore alle politiche abitative Municipio 3 e Filippo Riniolo, consigliere del municipio 5, chiedono che venga immediatamente attuato quanto previsto dalla mozione approvata in consiglio comunale tanti municipi circa l’applicazione della deroga all’articolo cinque che non permette a migliaia di persone della nostra città di accedere alla residenza

“Senza dubbio si andrà verso l'abolizione (del reddito di cittadinanza)" questa la dichiarazione di Francesco Lollobrigida, esponente di spicco di FdI, rilasciata a Il Messaggero a tre giorni dalla chiusura delle urne. In un paese con un’ inflazione media al 6,8%, con un raddoppio del costo delle bollette, in un momento in cui le persone devono tagliare la spesa in alimenti, con 5,6 milioni di persone in povertà assoluta, il primo provvedimento che il centro destra intende adottare è l'abolizione del reddito di cittadinanza ovvero

Partirà Domenica 2 ottobre, alle 18.30 a Bastogi, il progetto "Santa Maradona", sostenuto dal programma periferiacapitale della Fondazione Charlemagne, e realizzato da Aurelio in Comune in collaborazione con Action Diritti in Movimento, AMKA Onlus, Ecpat Italia Onlus e Nonna Roma. Prevederà un emporio solidale, uno sportello di assistenza per il diritto alla casa e la costruzione di una squadra di calcio a 11 - l'ASD Bastogi, che disputerà la Terza Categoria della LND Lazio - composta dai ragazzi del quartiere e non solo. Un intervento

Inizia una nuova avventura per la nostra associazione a Tor Bella Monaca. Da oggi apriamo una nuova postazione a via Castano, grazie all'ospitalità del CIS, dove si svolgerà la nostra attività di distribuzione alimentare e di sportello sociale nonché gli altri progetti e idee in arrivo. Rafforziamo la nostra presenza in uno dei quartieri più difficili della città. È così che dopo un’anno e mezzo di attività a Santa Rita da Cascia da oggi le persone della zona potranno rivolgersi a noi anche direttamente nei condomini