fbpx
Image Alt

Nonna Roma

Eat Slow Be Happy: pasti buoni, puliti e giusti per i più fragili

Slow Food Roma insieme a Progetto Akkittate! di Arci Pianeta Sonoro e a Nonna Roma

nel Patto di Comunità del Municipio I per donare piatti di qualità ai centri di accoglienza

Slow Food è al fianco dei più deboli insieme al Municipio Roma I, al progetto “Akkittate!” di Arci Pianeta Sonoro e Nonna Roma che durante il rigido inverno, aggravato dalla crisi pandemica, hanno provveduto a fornire un tetto a chi non ne aveva. Slow Food Roma da oggi attiverà una staffetta gastronomica di 15 giorni per donare ai senza fissa dimora 300 pasti cucinati dai cuochi dell’Alleanza.

L’iniziativa fa parte del progetto Eat Slow Be Happy, promosso da Slow Food Italia nelle città di Roma, Torino, Taranto, Catania, Napoli, Trento, Bolzano e Firenze, per sostenere la ristorazione di qualità, in particolare i cuochi dell’Alleanza (350 in Italia e più di mille nel mondo) che scelgono materie prime locali coltivate in modo sostenibile, prodotti dell’Arca del Gusto e Presìdi Slow Food.

A Roma, Ciao Checca, Proloco Trastevere e Osteria al Velodromo Vecchio porteranno i loro piatti presso i centri anziani di Testaccio e dell’Esquilino, trasformati in centri di accoglienza dal Municipio Roma I, Circolo Arci Pianeta Sonoro e Nonna Roma: associazioni che, come Slow Food Roma, aderiscono al Patto di Comunità, nato grazie al Municipio Roma I per dare risposta ai bisogni di ciascun cittadino.

«Dare il cibo a chi ne ha bisogno è importante, e il buon cibo preparato con sapienza fa parte della nostra cultura. L’iniziativa di Slow Food unisce questi due aspetti e ci aiuta a fare un salto di qualità nel modello di accoglienza e sostegno ai più fragili che il Primo Municipio porta avanti da sempre, e che oggi assume più forza grazie alla rete di solidarietà del Patto di Comunità» dichiara Emiliano Monteverde, assessore alle Politiche Sociali del Municipio Roma I.

«Siamo molto felici di questa collaborazione in favore del progetto “Akkittate!” e dei senza fissa dimora del centro all’Esquilino – sottolinea Davide Conte presidente di Arci Pianeta Sonoro – perché è nel nostro spirito l’idea che il cibo di qualità come elemento culturale debba essere disponibile per tutti. Ci auguriamo che da questa esperienza possa sempre più affermarsi una riflessione condivisa che legga la tematica del cibo non solo come sostentamento del corpo, ma come elemento di valore».

«L’iniziativa di Slow Food per il nostro centro a Testaccio – dice Alberto Campailla, Presidente di Nonna Roma – manifesta la grande sensibilità di chi promuove la cultura del cibo di qualità. Il diritto al cibo non è garantito a 2 milioni e mezzo di persone in Italia e siamo contenti di questa alleanza tra chi sostiene la battaglia per una produzione del cibo sostenibile e rispettosa dell’ambiente, e chi si batte perché esso arrivi a tutte e tutti».

«I locali dell’Alleanza di Roma preservano la biodiversità locale e creano comunità» afferma Paolo Venezia di Slow Food Roma. «La finalità di questa iniziativa non è solo portare un pasto caldo, ma ricreare quel calore conviviale tipico delle osterie: il menù cambierà di volta in volta, con prodotti di stagione, locali e Presìdi Slow Food: cibi buoni, puliti e giusti per tutti».

Eat Slow Be Happy è un progetto lanciato da Slow Food Italia nell’ambito dell’Avviso n. 3/2020 – Finanziamento delle attività di interesse generale e degli Enti del Terzo Settore a rilevanza nazionale, ai sensi dell’articolo 67 del Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito dalla Legge 17 luglio 2020, n. 77 – 2020.

 

 

a

What You Need to Know About VoteStart

The perfect way to get a head start in your upcoming political campaign.

 
2976 Washington St
San Francisco, CA 94115
 

Seguici

Chip in now, every dollar helps in the crtical final moments of this campaign.

Fiona Anderwood